Le competenze in un sarcofago

In prima superiore avrei a breve trattato l’argomento “Etruschi”. Stavo discutendo con un amico di come fare apprendere ai ragazzi la geostoria (ora si chiama così, e anche word segnala la parola come sconosciuta!), facendoli ragionare su quello che la storia stessa poteva insegnare loro. Abbiamo scelto una famosa foto di un sepolcro Etrusco e abbiamo cominciato a ragionarci seguendo lo schema delle competenze del kit di oggiimparoio. Così ci siamo lanciati nell’esperimento e vorrei condividere il nostro risultatoi, che mi sembra interessante.

In sostanza lo schema del kit non è altro che una checklist di domande, create partendo dall’esperienza e dal normale buon senso, che fornisce una semplice guida per arricchire un compito assegnato agli studenti.

Il nostro punto di partenza è rappresentato nella foto seguente: un sarcofago etrusco in cui è scolpita una coppia di sposi. Abbiamo quindi cominciato a interrogarci sulle domande che avremmo potuto fare seguendo la griglia e, punto per punto, siamo arrivati a stendere le seguenti domande che abbiamo somministrato ai ragazzi.

Competenza: Utilizzare un’immagine per la lettura del processo storico.

Che tipo di fonte viene utilizzata ( Fonte primaria, secondaria)?
Attraverso una ricerca nel web, sapresti localizzare questo reperto?

Competenza: Effettuare osservazioni semplici di tipo compositivo-formale sul reperto archeologico

Cosa stanno facendo? Come definisci l’espressione dei loro volti? I due Sposi sono seduti su un tipico letto da banchetto, il “Kliné”: c’è una relazione tra la morte e il banchetto?

Competenza di cittadinanza, consapevolezza ed espressione culturale: Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica, attraverso il confronto fra epoche, e in una dimensione sincronica, attraverso il confronto tra aree geografiche.

Utilizzando le immagini dei sepolcri delineare il rapporto sociale tra uomo e donna al tempo degli Etruschi: uomo e donna sono alla pari ? Dall’osservazione delle immagini  si rileva un dislivello sociale?
Nel mondo greco-romano si possono ritrovare immagini simili? Come vengono rappresentati l’uomo e la donna? Ricerca tali documenti nel web e confronta i dati.

Competenza sociale e civica: Sulla base della conoscenza dei presupposti culturali e della natura delle istituzioni politiche, giuridiche, sociali ed economiche, comprendere i diritti e i doveri che caratterizzano l’essere cittadini.

Sviluppa una riflessione atta a delineare una rete di relazioni tra passato e presente e futuro:
Come viene affrontato il tema della morte nella realtà contemporanea?
Hai paura della morte?
Gli Etruschi avevano paura della morte?

Connessione con la vita reale, promuovere la comprensione della realtà contemporanea.

Nel mondo attuale ritrovi il medesimo rapporto uomo-donna delle civiltà antiche?
Ti piacerebbe vivere in una società dove uomo e donna sono così? Che società immagini?
E’ facile la parità? Cosa la rende facile o difficile?
La società attuale tutela le pari opportunità? Se sì in che modo?
Quale ruolo ricopre la donna nelle società dei paesi sviluppati e in quelli in via di sviluppo?

Interesse personale del docente. C’è qualche riflessione personale per cui potrei essere interessato a correggere il lavoro dei ragazzi?

Sviluppa una riflessione sull’evoluzione del mondo: Gli Etruschi erano un popolo pacifico e sono stati distrutti dai Romani. Ha quindi senso essere un popolo pacifico?

Competenze di cittadinanza: Imparare a Imparare, Comunicazione nella madrelingua e Competenza digitale (uso responsabile del web).

Lo svolgimento delle attività utilizzando il web, e la scrittura di una relazione per rispondere, permette di sviluppare indirettamente anche altre tre competenze di cittadinanza senza bisogno di domande specifiche.

 

Dopo avere preparato un documento con l’immagine e le precedenti domande ho consegnato il lavoro da svolgere ai ragazzi ed ho ottenuto un buon risultato. La maggior parte dei ragazzi ha svolto il compito in maniera articolata e corretta. Tutti si sono presi la briga di andare a ricercare nel web notizie inerenti al sarcofago e al trattamento riservato alla donna presso la civiltà greca e romana. La parte più interessate è stata quella della rielaborazione personale sull’idea della morte e sulle pari opportunità. Si sono espressi chiaramente e hanno trovato queste domande stimolanti.

Gli allievi hanno saputo ricercare notizie e approfondimenti nel web in maniera appropriata alle richieste. La rielaborazione critica e personale, più o meno approfondita in base alle capacità dei singoli allievi, li ha portati a riflettere su temi poco trattati a scuola e in ambito familiare, come la morte. Unica lamentela: hanno trovato il lavoro un po’ lungo.

 

In conclusione mi preme chiarire che il compito che ho realizzato non vuole essere né la soluzione di tutti i problemi della scuola né il modo migliore per parlare degli Etruschi. E’ solo un esempio di qualcosa di diverso che si può preparare per i ragazzi per coinvolgerli e farli ragionare. Inoltre la possibilità di chiedere a loro opinioni su argomenti di interesse personale rende anche la correzione meno faticosa.

La checklist del kit, quindi, è solo una guida che ci permette di fermarci qualche minuto per porci delle domande, in modo da creare dei compiti che possano interessare sia i nostri ragazzi, che noi, e che includono elementi importanti come le competenze.

Barbara Amadio & Fabio Biscaro

4 pensieri su “Le competenze in un sarcofago

    1. La checklist è un’ottima strategia per richiamare le capacità nascoste dei ragazzi e convertirle in competenze.
      Bravi!!!!

  1. La didattica per immagini è di forte impatto per i ragazzi. L’utilizzo della Lim per coinvolgerli nell’ osservazione dei dettagli da cui trarre concetti di natura storica e di attualità fa ottenere risultati positivi sempre per ogni alunno. Bel lavoro…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>