L’avventura della crescita

 

La scuola sarà un posto dove studenti e insegnanti non vedono l’ora di andare ogni mattina per crescere ed imparare.

La scuola di domani

Come studenti passiamo a scuola almeno 13 anni della nostra vita e ci sentiamo poco capiti. Ci alleiamo contro questo o quel docente per cercare di portare a casa il risultato che ci interessa: il voto. Da docenti, dal’altra parte della barricata, ci sembra di sprecare i nostri sforzi con dei ragazzi che non hanno voglia di fare, che copiano e che si coalizzano contro.

Sarebbe bello se ogni studente potesse sbocciare come persona, trovando la propria strada, e mettesse nell’imparare la stessa energia di quanta ne mette per giocare a Call of Duty.

Sarebbe bello se ogni docente potesse trasmettere il meglio della sua esperienza ai ragazzi e, perché no?, anche imparare a sua volta, divertendosi.

L’obiettivo è molto ambizioso ma… perché non provarci?

Con questo obiettivo in mente si possono utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione quali la didattica per competenze, il flipped learning, i feedback e molti altri per rendere ogni lezione motivante e interessante come fosse una piccola avventura in cui lo studente è il protagonista e il docente la guida.

Vuoi provare a realizzare un compito per competenze? Possiamo darti una mano!

Come studente, leggi cosa si può fare e come funziona.

Costruiamo insieme la nuova scuola!

2 pensieri su “L’avventura della crescita

  1. Io credo che per imparare bisogna innanzitutto ascoltare e questo vale per i docenti e per i discenti. Ascoltare senza partire dalla propria esperienza che può essere utile solo quale esegesi. Il problema è sempre quello di evitare i pregiudizi e gli atteggiamenti dogmatici.
    Lo dico e lo penso perché è meglio che non lo dimentichi io per primo, proprio da docente liceale. Vi saluto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>